Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante ACCETTO continui la navigazione e acconsenti all’uso dei cookie di questo sito.
Se desideri ulteriori informazioni clicca sul pulsante PRIVACY.

Formazione del Personale

 

2016 01 30 FormFrancesca


 

 Formazione del Personale A.S. 2021-2022

 

Formazione FISM

CONVEGNO DI APERTURA

2 Ottobre Prof. Michele Visentin e Prof. ssa Barbara Rossi

Il convegno di apertura di Fism prende in considerazione le recenti normative relative all’Inclusione scolastica e le Linee Pedagogiche per il Sistema Integrato ZeroSei. La riflessione pedagogica è affidata a esperti accreditati da ISSR di Padova, prof. Visentin, e da ISSR di Milano, prof.ssa Rossi.

Nel corso del suo intervento il prof. Visentin argomenta come si articola e si realizza la progettualità nello ZeroSei. Ne evidenzia i significati e riprende alcuni nodi pedagogici strategici in una ottica di continuità.

La prof.ssa Rossi focalizza l’attenzione sul progetto educativo che identifica le Scuole Fism. Indaga come, a partire dai valori dichiarati, la dimensione inclusiva possa compenetrare la progettualità della scuola e tradursi in propositiva lettura dei propri contesti educativi e in pratiche di accoglienza di tutti e di ciascuno.

LA VALUTAZIONE IRC NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

IN OTTICA FORMATIVA

venerdì 17 settembre 2021 ore 17.00-19.30 Prof. Andrea Porcarelli

Nel testo ministeriale Le indicazioni per il curricolo 2012 è esplicitato il senso della valutazione formativa come pratica che “riconosce, accompagna, descrive e documenta i processi di crescita. Evita di classificare e giudicare le prestazioni dei bambini, perché orientata ad esplorare e incoraggiare lo sviluppo di tutte le loro potenzialità”. Un primo momento valutativo richiama la responsabilità del docente a utilizzare le osservazioni in modo sistematico per progettare interventi orientati al miglioramento. Il docente raccoglie bisogni, interessi, sollecitazioni, domande dei bambini e li rilancia con scelte e specifiche proposte didattiche atte a sviluppare le potenzialità dei singoli. La pratica valutativa, nella realizzazione quotidiana, diventa strumento essenziale per comprendere che cosa e come gli allievi apprendono. In un passaggio successivo, la valutazione assume una funzione proattiva allorquando, tenendo in considerazione fragilità e talenti, spinge a rimodellare l’azione educativa e didattica.

INDICATORI OPERATIVI PER UN BUON PROFILO DI COORDINATORE

7 settembre

Incontri di confronto ed accompagnamento pratico nell’utilizzo di strategie, metodi e strumenti operativi utili alla funzione del coordinatore/trice. L’offerta formativa, articolata in tre incontri, affronterà i temi indicati in calendario.

 

LO SVILUPPO DEL SENTIMENTO RELIGIOSO NEL BAMBINO

Prof. Michele Visentin   26 gennaio

           

L’intervento indagherà il costrutto pedagogico del senso religioso:

·        come elemento trasversale comune alle diverse esperienze religiose concrete

·        come dimensione psichica arcaica

Proponendo il senso religioso come infrastruttura psichica originaria verranno approfondite la nozione di bisogno e quella di sacro.

 

EDUCARE AL SENTIMENTO RELIGIOSO: IL RUOLO DELL'EDUCATORE

Prof. Michele Visentin 9 febbraio

Approfondire la dinamica per cui il senso religioso è inseparabile dalla esperienza religiosa già avvenuta o non avvenuta dell’adulto che si pone la questione. Questa relazione va decostruita, per− ché abbiamo bisogno di educatori che comprendano la differenza tra l’avere un pensiero religiosamente orientato e l’appartenenza ad una religione storicamente determinata.

 

ACCOGLIERE IL BAMBINO E LA SUA FAMIGLIA

Dott.ssa Barbara Rossi 21 febbraio

Il corso si occuperà di indagare i tratti di una relazione efficace ed educativa tra scuola e famiglia, analizzando il patto educativo attraverso lo sguardo della pedagogia della cura.

Le parole chiave saranno: società e scuola/mondo esterno e dinamiche interne/fragilità relazione, simmetria/asimmetria educativa/parole/emozioni, efficacia comunicativa/colori e toni del linguaggio.

 

LA POSTURA DELL'EDUCATORE NELLA RELAZIONE CON LA FAMIGLIA

Dott.ssa Barbara Rossi 7 marzo

Il corso si occuperà di indagare i tratti di una relazione efficace ed educativa tra scuola e famiglia, con particolare riferimento alla figura del docente di scuola dell’infanzia, analizzando le condizioni comunicative, il grado di resilienza necessario nel periodo attuale, la conoscenza e l’attuazione delle idee pedagogiche fondative rispetto alla persona e allo sguardo cristiano dell’educare.

 

 

INCONTRO AIC – In fuga dal glutine

promosso dalla Fism di Venezia 28 ottobre

Diete Speciali

Corso rivolto sia alle cuoche, ai cuochi, alle coordinatrici e coordinatori. Viene proposto anche ai Referenti gestionali per favorire conoscenze e competenze istituzionali.

Argomenti trattati:

-        Le diete speciali: obiettivo la promozione di buone prassi nella preparazione delle diete speciali, in particolare quella senza glutine, per assicurare

un’alimentazione equilibrata anche ai soggetti celiaci e agli utenti con altre particolari esigenze dietetiche (es. allergie ed intolleranze alimentari) nel rispetto della sicurezza alimentare.

-Ristorazione collettiva: approfondimento pratico su problematiche igienico sanitarie relative ad allerta alimentari, criticità e tossinfezioni alimentari.

-        La qualità nella ristorazione scolastica.

-        La prevenzione degli infortuni nell’ambiente di lavoro.   

QUESTION TIME: STRUMENTI PROGETTUALI ZEROSEI: UDA E UPE 20 ottobre

A seguito delle richieste di approfondimento e di confronto si offre l’opportunità di un incontro di Question Time sugli strumenti progettuali UDA e UPE in ottica ZeroSei.

        

SISTEMA CHESS: CORSO AVANZATO.

STRUMENTO CHE ORIENTA LA PROGETTUALITÀ, ETC.

dott.ssa Diletta Basso19 ottobre e 18 gennaio

Ogni bambino è unico, irripetibile, portatore di vissuti, contesti, relazioni potenzialità e fatiche che ne determinano in maniera significativa il percorso di crescita.

Per poter quindi accompagnare in maniera competente ciascun bambino, è prioritario dedicarsi alla conoscenza del suo mondo, non solo attraverso l’osservazione nel contesto dei servizi educativi, ma anche attraverso il coinvolgimento attivo dei genitori, che osservano e vivono il loro bambino in situazioni a noi sconosciute ma estremante importanti per ricostruire una visione unitaria del bambino stesso.

Se è quindi vero che abbiamo la necessità di instaurare una forte collaborazione con la famiglia fin da su− bito, è altrettanto vero che dobbiamo nutrirla giorno dopo giorno, favorendo il dialogo e la partecipazione attiva al progetto educativo per il proprio bambino e confrontandosi sui traguardi raggiunti e sul percorso ancora da compiere, nella ricerca della massima coerenza e continuità educativa.

L’attenzione deve essere volta ad evitare la frammentazione dei sistemi e degli strumenti a favore dell’unitarietà dei percorsi individuali, caratterizzati da tempi diversi, da corse e rallentamenti, talvolta regressioni, che ci richiedono la condivisione di una forte vision educativa e l’impiego di strumenti capaci di supportarci in un approccio così dinamico e personalizzato.

        

MUSICA E DANZA: ESPRESSIONE DI RINGRAZIAMENTO E LODE

Donatella Gaspari e Alessia Lotti 24 marzo

“La musica, componente fondamentale e universale dell’esperienza umana, offre uno spazio simbolico e relazionale propizio all’attivazione di processi di cooperazione e socializzazione, all’acquisizione di strumenti di conoscenza, alla valorizzazione della creatività e della partecipazione, allo sviluppo del senso di appartenenza a una comunità, nonché all’interazione fra culture diverse ….”

Il testo delle Indicazioni Nazionali del 2012, richiama il valore della musica e delle arti per lo sviluppo integrale della persona e per la consapevolezza ed espressione culturale e il contributo che può offrire allo sviluppo delle Competenze Chiave per l’apprendimento permanente.

La musica è una componente importante della comunicazione educativa al nido e alla scuola dell’infanzia: la qualità sonora degli ambienti, e la presenza di stimoli musicali sono elementi determinanti per il benessere di tutti i bambini.

Il corpo è il primo strumento musicale di cui i bambini fanno esperienza: istintivamente iniziano a muoversi appena sentono una melodia. In età precoce è quindi possibile proporre attività che portino a scoprire il ritmo come attività naturale e condivisibile con l’altro, esercitando l’ascolto e sviluppando le potenzialità dell’improvvisazione corporea e strumentale.

La dimensione spirituale trova nella comunicazione sonora e musicale un linguaggio privilegiato di espressione che accomuna le diverse forme religiose. Anche Papa Francesco pone in luce il valore della musica in un passaggio dell’Enciclica Fratelli Tutti, che recita:

“Se la musica del Vangelo smette di vibrare nelle nostre viscere, avremo perso la gioia che scaturisce dalla compassione, la tenerezza che nasce dalla fiducia, la capacità della riconciliazione che trova la sua fonte nel saperci sempre perdonati-inviati. Se la musica del Vangelo smette di suonare nelle nostre case, nelle nostre piazze, nei luoghi di lavoro, nella politica e nell’economia, avremo spento la melodia che ci provoca− va a lottare per la dignità di ogni uomo e donna”.

 

 

Corso avanzato rivolto ad insegnanti e operatori della Scuola della provincia di Vicenza che abbiano frequentato una formazione in autismo di base negli anni precedenti

 

 

L’ottica bio-psico-sociale dell’ICF dell’OMS negli adempimenti a favore dell’inclusione scolastica

Formatrice Francesca Concato 15 novembre

 

Osservazione del contesto per la definizione degli obiettivi e la progettazione degli interventi per alunni ASD

Formatrice Silvia Bagnara 25 novembre

 

Nuovo PEI: progettare percorsi educativo-didattici inclusivi per bambini, alunni, studenti nello spettro dell’autismo

Formatrici

Marialuisa Tonietto, Daniela Valente, Margherita Manzardo 13 gennaio

 

Coinvolgimento dei genitori di bambini con ASD nel progetto educativo

Formatrice Elena Finotti 27 gennaio

 

Il ruolo della famiglia nella fase di transizione verso l’età adulta per giovani con ASD

Formatore Piergiorgio Zancato 10 febbraio

 

Applicazione educativo didattica del TTAP e orientamento professionale

Formatrice Claudia Munaro 24 febbraio

 

 

FORMAZIONE 0-6

ACURADELTAVOLODICOORDINAMENTOPEDAGOGICO

TERRITORIALEPROVINCIALE

 

Le sfide della qualità relazionale per il miglioramento dei servizi 0-6 anni

Dott.ssa Infantino Ottobre/Novembre 2021

 

Definire un'identità pedagogica attraverso lo "spazio educatore" all'interno dei servizi 0-6 anni 

Dott.ssa Ghidini Ottobre/Novembre 2021

 

 

COORDINAMENTO AMBITO TERRITORIALE FISM VICENZA

Il Coordinamento di Ambito Territoriale intende coinvolgere Coordinatori, Docenti ed Educatori delle Scuole paritarie Fism Vicenza in momenti di scambio e confronto rispetto ad alcuni temi trattati negli incontri di formazione 2021-2022.

 

1˚ incontro

Bambini protagonisti nei processi di apprendimento       

Dal 31 gennaio al 3 febbraio 2022  

17.30-19.00

 

2˚ incontro

Scuola e famiglia in dialogo: modalità e strumenti  Dal 28 al 31 marzo 2022  

17.30-19.00

 

3˚ incontro

Curricolo ZeroSei: ambienti di apprendimento e progettualità        

Dal 02 al 05 maggio 2022         

17.30-19.00

 

 

LA DOCUMENTAZIONE PER L'INCLUSIONE DALLA CERTIFICAZIONE AL PEI

dott. Alberto Permunian 5 ottobre

Quandoarrivaascuolaunanuovacertificazione,iniziaunnuovopercorsoconoscitivo,organizzativo.Perrispondereinmodoefficaceaibisognideibambinièimportanteprocedereadun’attenta escrupolosa letturadella certificazione cheèalla basapoidella compilazione del PEI.

Obiettivi:

-  conoscereeapprofondireglielementichecompongonounacertificazionescolastica.

-  leggereecontestualizzareunacertificazionescolastica.

-  costruireunPianoEducativoIndividualizzatopartendodallacertificazione

Finalità: fornire alle corsiste una guida concreta per un’attenta e completa lettura della certificazionescolastica necessaria per proseguire nella costruzione di un efficace piano educativo individualizzato, inun’ottica diprogettazioneeducativa condivisacontuttoilcollegiodocenti.

Approfondimento delle pratiche documentative PEI e PDF, condivisione di buone prassi organizzative percostruireuncontestoinclusivo.

LABORATORI DIDATTICA INCLUSIVA

dott.ssa Cristina Baraldin 10 febbraio

Quanto l’organizzazione dello spazio può favorire i processi inclusivi? Il laboratorio vuole offrirel’opportunità di confronto sulle diverse modalità di progettare lo spazio scolastico ripensando alle diversesituazionididatticheeaibisognideisingolibambiniedelgruppo.

Obiettivi:Progettareambientiscolasticiinclusiviinrispostaaibisognideibambini.

Finalità: Sensibilizzare educatori e docenti al tema degli ambienti di apprendimento in chiave inclusivaattraversoun’attentariflessionee progettazionesui significatidello spazioal Nidoe aScuola.

LA DOCUMENTAZIONE PER L'INCLUSIONE INSEGNANTE DI SOSTEGNO E/O OPERATORE: RUOLI COMPETENZE E RESPONSABILITÀ

dott.ssa Francesca Filippi ULSS 8 12 ottobre

La figura dell'Operatore Socio Sanitario, diventa figura fondamentale per rispondere in modoefficace ai bisogno dei bambini certificati, nell'affiancamento alle insegnanti. Ma come e quando è possi−bile enecessarialasuapresenza? Comesirichiede? Quale ilsuoruolo?

Obiettivi:         

-conoscereeapprofondirelafiguradell'OSS

-conoscerelemodalitàei tempiper larichiestadell'OSS

-approfondire il suo ruolo all'interno della scuolaFinalità:

Fornire alle corsiste gli elementi utili, dalla lettura della certificazione, per richiedere la figura dell'OSS ascuola, conoscendo i tempi e le procedure per attivarla e arrivando a definire le competenze e il ruolo. Laformazione verràproposta suddividendole scuoleperULSSdicompetenza.

LA DOCUMENTAZIONE PER L'INCLUSIONE NUOVO PEI E PEI PROVVISORIO: INQUADRAMENTO NORMATIVO        

Dott.ssa Claudia Munaro 28 ottobre

Inquadramento normativo della disabilità anche alla luce dei nuovi e significativi scenari introdottidal DM182/2020:

Nuovo modello di PEI-PEI provvisorio, ambiente di apprendimento inclusivo.

Obiettivi:

-ConoscereeapprofondireinuovistrumentiinclusiviPeiePeiprovvisorio.

-attivaremodalitàepraticheinclusivenellanuovaprospettivadatadalDM182/2020.

Finalità: promuovere una lettura chiara e significativa del nuovo contesto disabilità, una conoscenza delnuovo strumento PEIper attivare una riflessione rispetto alle pratiche inclusive e una guida per uneventualemiglioramento.

FormazioneGeneralepertuttiilavoratori

Ilcorsoassolveagliobblighiprevistidall’AccordoStatoRegionisullaformazionedeiLavoratori 4 ore.

FormazioneSpecificapertuttiilavoratori

Formazione aggiuntiva alla formazione generale dei Lavoratori ai sensi dell’Accordo Stato Regioni.La formazione consente ai lavoratori di conoscere nel dettaglio i rischi e i relativi comportamenti daadottare alfine ditutelare lapropria sicurezzaesalutesullavoroequelladeipropri colleghi, 8 ore

Aggiornamento-FormazioneSpecificapertuttiilavoratoriePreposti relatore ing. Pilotto Gabriele 16 e 23

L’accordoStatoRegionihadefinitolemodalitàeladuratadell’aggiornamentoquinquennaleobbligatorio per i lavoratori. Questo aggiornamento è rivolto a coloro che hanno già frequentato la formazionespecifica elaFormazioneperi Preposti, 6 ore

PRIMO SOCCORSO 13 e 20 novembre 2021

Corsodiformazionecheprevededifornireleconoscenzeeglistrumentioperativi,alfinedirendere autonomii lavoratori incaricatiall’attuazionedellemisure dipronto soccorso.

12 ore

Formazione interna

Aggiornamento manipolazioneAlimenti(Ex-librettosanitario) relatore Dr. Padovan Renzo 23 ottobre 2021

Corso rivolto sia al personale di cucina che a tutto personale addetto allo scodellamento dei pasti.L’obiettivodelcorsoè quellodifornireunquadrogeneralesull'igieneindividualedell'operatore,lemalattietrasmissibilidaglialimentieleproceduredisanificazione;formarealrispettodellenormeigienicheecomportamentaliperlasalubritàdeglialimenti.Ilcorsoèinsostituzionedellibrettosanitario, ore 3

Formazione interna Dott.ssa Pozzuoli

In presenza

27 settembre

01 ottobre

19 ottobre

02 novembre

dicembre colloqui individuali con tutto il personale

23 marzo, 6 aprile, 4 maggio e 8 giugno  

Le relazioni a scuola

 

Condivisione corsi dei corsi svolti 24 febbraio, 29 marzo 11, 21 e 25 aprile, 9 maggio con il collegio docenti congiunto nido-primavera-scuola dell’infanzia

Corso di aggiornamento “Dal dire al fare”: corso di formazione sui segni precoci e intervento nei “Disturbi Specifici dell’Apprendimento”

Relatori Dott. ssa Fabiola Scarpetta, Dott.ssa Maria Chiara Gianesin

20 e 27 gennaio

17 febbraio

3 e 17 marzo

7 e 28 aprile

Lo schema corporeo nello sviluppo degli Apprendimenti.

La plasticità neuronale come base scientifica per il lavoro multisensoriale.

La dislessia, la discalculia, la disgrafia dal punto di vista psicomotorio, individuazione precoce.

Regolare la comunicazione con i bambini in difficoltà.

 

 

 



  

 

Archivio Progettazione Formazione 2020-2021

 

Archivio Progettazione Formazione 2019-2020

 

Archivio Progettazione Formazione 2018-2019

 

Archivio Progettazione Formazione 2017-2018

 

Archivio Progettazione Formazione 2016-2017

 

© 2016 | Scuola Materna San Giuseppe di Lerino | P.I. IT02727960243 | Privacy | Credits